X
GO

Indicazioni operative per i campionamenti sui pet sospetti di infezione da SARS-CoV-2

  • 15 maggio 2020
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 420
  • 0 Commenti

La P.F. Prevenzione Veterinaria e Sicurezza Alimentare ha inviato ai Responsabili dei Servizi di Sanità Animale, ai Direttori dei Dipartimenti di Prevenzione, ai Direttori delle Aree Vaste, alle Sezioni dell’IZSUM della Regione Marche e agli Ordini Provinciali dei Medici Veterinari una nota in cui vengono fornite indicazioni operative in relazione ai campionamenti da effettuare sugli animai domestici (cani, gatti e furetti) sospetti di infezione da SARS-CoV-2.

In particolare, il 17/04/2020, il Ministero della Salute ha pubblicato le “Linee guida per la gestione di animali da compagnia sospetti di infezione dal SARS-CoV-2”, documento elaborato dal Gruppo di lavoro tecnico scientifico coordinato dalla Direzione Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari. Nelle linee guida vengono analizzati i 2 scenari che possono realizzarsi in caso di infezione da COVID-19 in un nucleo familiare con pet:

A) Nucleo familiare composto da una o più persone sospette di infezione o infette, poste in quarantena presso il loro domicilio,

B) Nucleo familiare composto da una o più persone sottoposte a ricovero per COVID-19, con animali che restano soli.

e per ognuna delle 2 situazioni viene descritto:

1. Dove ospitare l’animale,

2. Possibilità di uscita del cane,

3. Campionamenti da effettuare sull’animale.

In relazione a quest’ultimo aspetto, nella nota regionale vengono quindi date le seguenti informazioni e chiarimenti:

a) per effettuare i prelievi ematici, i tamponi (nasale, faringeo e rettale) e i prelievi fecali devono essere utilizzati i kit messi a disposizione dalle sezioni provinciali dell’IZSUM di Pesaro, Ancona, Tolentino e Fermo. I campioni, prelevati dai Veterinari dei Servizi di Sanità Animale e dai Veterinari Liberi Professionisti, devono essere raccolti e conferiti presso le stesse sezioni dell’IZSUM dal personale dei Servizi di Sanità Animale competenti per territorio. I campioni devono inoltre essere accompagnati da APPOSITA SCHEDA, scaricabile al seguente link, compilata dal veterinario prelevatore.

b) l’IZSUM provvederà alla trasmissione degli esiti ai Servizi di Sanità Animale e ai Veterinari Liberi Professionisti eventualmente coinvolti.

c) in caso di morte dell’animale domestico sospetto di infezione da SARS-CoV-2, il trasporto della carcassa all’IZS per gli opportuni accertamenti post-mortem dovrà essere effettuato dal personale dei Servizi di Sanità Animale utilizzando l’apposito kit sanitario (formato da un imballo esterno, uno intermedio ed uno interno a tenuta stagna) messo a disposizione dalla Sezione di riferimento dell’IZS.

 

Autore: Dott. Stefano Gabrio Manciola

 

Stampa
Tag:
Valutazioni:
Nessuna valutazione

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Nome:
Email:
Oggetto:
Messaggio:
x