X
GO

Controlli del benessere animale in allevamento : nuove check list 2014

  • 15 luglio 2014
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 590
  • 0 Commenti


Il Ministero della Salute, con nota 0013321-24/06/2014-DGSAF-COD_UO-P
del 24 giugno 2014, nell’informare gli Assessorati regionali alla Sanità della migliorata situazione italiana nel 2013 in materia di benessere degli animali allevati a scopo agricolo,  ha aggiornato le check list utilizzate dai veterinari delle ASL  per la valutazione del benessere animale negli allevamenti.

Le modifiche si sono rese necessarie a seguito dei vari cambiamenti sopravvenuti negli ultimi anni in merito alle normative specifiche relative alla protezione degli animali negli allevamenti.

Nelle nuove check list  è’ stata aggiunta una sezione di riepilogo,utile anche per la verifica delle eventuali prescrizioni e/o provvedimenti intrapresi nei confronti dei detentori degli animali in caso di riscontro di non conformità alla normativa.

Le modifiche hanno riguardato anche alcune voci che trovano poi corrispondenza con i campi da compilare nella Banca Dati Nazionale (BDN) in modo da facilitare  la trascrizione  dei dati riportati sulle checklist da parte del veterinario ufficiale tramite l’applicativo “controlli”  accessibile sul sito https://www.vetinfo.sanita.it/.

Viene infine ribadita l’importanza della comunicazione degli esiti dei controlli attraverso la BDN, entro 15 giorni dall’avvenuto controllo e comunque entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento, in quanto il benessere animale è uno degli aspetti che viene preso in considerazione dall’ Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura  ( AGEA ) per l’applicazione del regime della condizionalità

Infatti, l’AGEA, attraverso la consultazione dei dati riportati dai veterinari delle ASL nella BDN, in caso di riscontro di non conformità in materia di benessere dei vitelli, dei suini e degli altri animali di cui al D.lgs 146/2001, potrebbe sospendere l’erogazione dei premi comunitari fin tanto che i detentori degli animali non abbiano provveduto ad adeguarsi alle normative sul benessere animale.

 

 

Leggi la nota 0013321-24/06/2014-DGSAF-COD_UO-P del 24 giugno 2014  ( visibile per gli operatori sanitari ASUR che accedono con credenziali di accreditamento)          

Scarica le nuove check list ( download  attivo per gli operatori sanitari ASUR che accedono con credenziali di accreditamento)

 

Autore: Dott. S. Tartari

Data di pubblicazione:15 luglio 2014

 

Stampa
Tag:
Valutazioni:
Nessuna valutazione

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Nome:
Email:
Oggetto:
Messaggio:
x