X
GO

Uso responsabile dei medicinali veterinari contenenti colistina

  • 19 agosto 2016
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 915
  • 0 Commenti

 

Con Nota della P.F. Veterinaria e Sicurezza Alimentare 008422 del 17 agosto 2016 è stata trasmessa la Circolare del Ministero della Salute DGSAF 18992 del 5 agosto 2016 con la quale si richiama ad un uso responsabile dei medicinali veterinari contenenti colistina al fine di ridurre il rischio di antibiotico resistenza.

La colistina è un antibiotico appartenente al gruppo delle polimixine, ed è regolarmente utilizzata in medicina veterinaria  per il trattamento e la prevenzione di malattie causate da batteri gram negativi  in suini, pollame, conigli, bovini, ovini e caprini.

Recentemente è stata scoperta la base genetica della resistenza alla colistina, ovvero la presenza del gene mcr-1; questo trasferimento genico orizzontale potenzia e accellera lo sviluppo e la diffusione della resistenza tra specie differenti di batteri.

Il parere EMA /CVMP/CHMP/231573/2016 evidenzia la necessità di ridurre in 3-4 anni il volume di vendita di antibiotici contenenti colistina di circa il 65 %.

Per minimizzare le vendite e l'uso di medicinali veterinari contenenti colistina il Ministero della Salute invita al rafforzamento delle attività di formazione/informazione sull'impiego consapevole degli antimicrobici come previsto dal Art. 81 comma 3 del D.L.ivo 193/2006 (come sostituito dal Decerto Legislativo 143/2007): "Per promuovere un impiego consapevole degli antibiotici e dei chemioterapici e limitare i trattamenti di massa, al fine della prevenzione dell'antibiotico resistenza, le organizzazioni e le associazioni dei veterinari e degli allevatori attivano conseguenti iniziative formative e divulgative per gli allevatori e i veterinari e ne danno annualmente specifica informazione al Ministero della salute".

Inoltre nella Nota si invitano tutti gli assessorati a verificare attraverso l'attività di farmacosorveglianza che venga effettuato un uso responsabile dell'antibiotico colistina; in particolare:

  • impiego come ultima risorsa qualora nessun trattamento alternativo efficace sia disponibile;

  • impiego unicamente sulla base di test di sensibilità;

  • impiego conforme alle istruzioni riportate nel riassunto delle caratteristiche del prodotto;

  • limitazione dell'uso in deroga di premiscele, anche in combinazione.

Consulta:


Per saperne di più:

EFSA: L’EMA invita a ridurre l’uso della colistina negli animali

VesA Marche: COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE - Linee guida sull'uso prudente degli antimicrobici in medicina veterinaria

 

 

Autore: Dott.ssa Simona Martino

Stampa
Tag:
Valutazioni:
Nessuna valutazione

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Nome:
Email:
Oggetto:
Messaggio:
x