X
GO

CANILI E RIFUGI

  • 1 febbraio 2016
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 3541
  • 0 Commenti

I canili/rifugi sono lo strumento indispensabile per la lotta al randagismo perchè svolgono attività di custodia, mantenimento e promozione degli affidi dei cani randagi recuperati sul territorio. 

 

Che cos'è il canile sanitario?

La zona sanitaria del canile è quella in cui si effettua la prima accoglienza del cane catturato o ritrovato. In questa fase il cane è sottoposto a visita veterinaria.

→ Se il cane è regolarmente iscritto all'anagrafe viene prontamente restituito al proprietario/detentore che deve provvedere al ritiro.

→ Se il cane non è regolarmente iscritto all'anagrafe si procede con l’identificazione e la registrazione dello stesso che anagraficamente viene caricato al Comune territorialmente competente per la zona di cattura.

Trascorso favorevolmente questo periodo i cani privi di proprietario possono essere destinati alla sezione del rifugio in attesa di affido.

Che cos'è il rifugio permanente in attesa di affido?

La zona rifugio è quella in cui il cane randagio vivrà fino al possibile affido, e ha il compito di garantire l’assistenza medico-veterinaria in caso di bisogno e di curare lo stato fisico e psicofisico degli animali.

Ancora oggi purtroppo ci sono cani che una volta che vengono accolti nella zona rifugio ci restano per il resto della vita.

Questo è dovuto al fatto che la maggior parte dei cani affidati sono quelli fino ad 1 anno di età, mentre la probabilità di affido diminuisce drasticamente dopo il secondo anno di vita; di conseguenza i cani randagi di età superiore hanno scarse possibilità di uscire definitivamente dal canile/rifugio.

Il risultato è l’invecchiamento della popolazione di cani randagi ospiti presso le strutture.

Da qui l'importanza di politiche incentivanti per aumentare l’indice di adottabilità dei cani randagi come la promozione delle adozioni attraverso la diffusione di foto e informazioni riguardanti gli animali ricoverati nei canili/rifugi, e la messa a punto di progetti specifici.

 

 Autore: Dr.ssa Simona Martino

 

 

Stampa
Categorie: Igiene urbana
Tag:
Valutazioni:
5.0

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Nome:
Email:
Oggetto:
Messaggio:
x