X
GO

Organismi Geneticamente Modificati (OGM) : principale normativa di riferimento

  • 20 giugno 2012
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 1136
  • 0 Commenti

NORMATIVA QUADRO

Regolamento n.1829/2003  (testo consolidato maggio 2012) regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo agli alimenti e ai mangimi geneticamente modificati (pubblicato nella G.U.U.E. 18 ottobre 2003, n. L 268).

Regolamento n.1830 /2003  (testo consolidato maggio 2012) regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la tracciabilità e l'etichettatura di organismi geneticamente modificati e la tracciabilità di alimenti e mangimi ottenuti da organismi geneticamente modificati, nonché recante modifica della direttiva 2001/18/CE (pubblicato nella G.U.U.E. 18 ottobre 2003, n. L 268).

Regolamento (CE) n.65/2004 del 14 gennaio 2004: regolamento della Commissione che stabilisce un sistema per la determinazione e l'assegnazione di identificatori unici per gli organismi geneticamente modificati (pubblicato nella G.U.U.E. 16 gennaio 2004, n. L 10).

Regolamento (CE) n.641/2004 del 6 aprile 2004: regolamento della Commissione recante norme attuative del regolamento (CE) n. 1829/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda la domanda di autorizzazione di nuovi alimenti e mangimi geneticamente modificati, la notifica di prodotti preesistenti e la presenza accidentale o tecnicamente inevitabile di materiale geneticamente modificato che è stato oggetto di una valutazione del rischio favorevole (pubblicato nella G.U.U.E. 7 aprile 2004, n. L 102).

Regolamento (CE) n.1981/2006 del 22 dicembre 2006: regolamento della Commissione sulle regole dettagliate per l’attuazione dell’articolo 32 del regolamento (CE) n. 1829/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio relativamente al laboratorio comunitario di riferimento per gli organismi geneticamente modificati

NORMATIVA SUL CAMPIONAMENTO

Raccomandazione n.2004/787/CE del 4 ottobre 2004: raccomandazione della Commissione relativa agli orientamenti tecnici sui metodi di campionamento e di rilevazione degli organismi geneticamente modificati e dei materiali ottenuti da organismi geneticamente modificati come tali o contenuti in prodotti, nel quadro del regolamento (CE) n. 1830/2003 (pubblicata nella G.U.U.E. 24 novembre 2004, n. L 348).

Regolamento (CE) n.401/2006 della Commissione del 23 febbraio 2006 : (testo consolidato a giugno 2012) relativo ai metodi di campionamento e di analisi per il controllo ufficiale dei tenori di micotossine nei prodotti alimentari (pubblicato nella G.U.C.E. 9 marzo 2006, n. L 70).

Decreto del Presidente della Repubblica n.327 del 26/03/1980  : Regolamento di esecuzione della L. 30 aprile 1962, n.283 , e successive modificazioni, in materia di disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande. (pubblicato/a su: Gazzetta Ufficiale Italiana n° 193 del 16/07/1980).
 

CODEX GENERAL GUIDELINES ON SAMPLING: CAC/GL 50-2004

Nota tecnica UNI CEN/TS 15568 Foodstuffs — Methods of analysis for the detection of genetically modified organisms and derived products — Sampling strategies

UNI EN ISO 24333:2010 Cereals and cereals products – Sampling

Linee guida DGSANCO “Guidance document for the sampling of cereals for mycotoxins”

Regolamento (CE) n.669/2009 della Commissione del 24 luglio 2009  :(testo consolidato a giugno 2012)  recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n.882/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al livello accresciuto di controlli ufficiali sulle importazioni di alcuni mangimi e alimenti di origine non animale e che modifica la decisione 2006/504/CE della Commissione (Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, del 25 luglio 2009 n. L 194).

Decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 109 concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari. (Suppl. ordinario alla Gazzetta Ufficiale, 17 febbraio, n. 39). Testo coordinato

Regolamento (CE) n.1169/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 ottobre 2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori, che modifica i regolamenti (CE) n.1924/2006 e (CE) n.1925/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio e abroga la direttiva 87/250/CEE della Commissione, la direttiva 90/496/CEE del Consiglio, la direttiva 1999/10/CE della Commissione, la direttiva 2000/13/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, le direttive 2002/67/CE e 2008/5/CE della Commissione e il regolamento (CE) n.608/2004 della Commissione

NORMATIVA SANZIONATORIA

Decreto legislativo n.70 del 21 luglio 2005: disposizioni sanzionatorie per le violazioni del regolamento (CE) n.1829/2003 e del regolamento (CE) n.1830/2003, relativi agli alimenti ed ai mangimi geneticamente modificati (pubblicato nella G.U.R.I. 29 aprile 2005, n. 98).

NORMATIVA CONTROLLO UFFICIALE

Regolamento (CE)  n.882/2004 del 29 aprile 2004: (testo consolidato a giugno 2012) relativo ai controlli ufficiali intesi a verificare la conformità alla normativa in materia di mangimi e di alimenti e alle norme sulla salute e sul benessere degli animali (pubblicato nella G.U.U.E 30 aprile 2004, n. L 165).

Regolamento (UE) n.208/2011 della Commissione, del 2 marzo 2011, che modifica l’allegato VII del regolamento (CE) n.882/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, i regolamenti della Commissione (CE) n.180/2008 e (CE) n.737/2008 per quanto riguarda gli elenchi e i nomi dei laboratori di riferimento dell’Unione europea. (pubblicato nella G.U.U.E. 3 marzo 2011, n. L 58)

Decreto legislativo n.193 del 6 novembre 2007: attuazione della direttiva 2004/41/CE relativa ai controlli in materia di sicurezza alimentare e applicazione dei regolamenti comunitari nel medesimo settore. (pubblicato nella G.U.R.I. 9.11.2007 suppl. ord. n. 228)

Decreto 22 dicembre 2009: designazione di “Accredia” quale unico organismo nazionale italiano autorizzato a svolgere attività di accreditamento e vigilanza del mercato. (pubblicato nella G.U.R.I. 26 gennaio 2010 n. 20)

Decreto 22 dicembre 2009: prescrizioni relative all’organizzazione ed al funzionamento dell’unico organismo nazionale italiano autorizzato a svolgere attività di accreditamento in conformità al regolamento (CE) n.765/2008. (pubblicato nella G.U.R.I. 25 gennaio 2010 n. 19)

Decreto ministeriale del 8 maggio 2002: istituzione nuovi centri di referenza nazionali nel settore veterinario (pubblicato nella G.U.R.I. 22 maggio 2002, n. 118).

DECISIONI COMUNITARIE SU MISURE DI EMERGENZA

Decisione della Commissione del 5 settembre 2006 (testo consolidato a giugno 2012) che reca misure di emergenza relative all’organismo geneticamente modificato non autorizzato “LL RICE 601” nei prodotti a base di riso (2006/601/CE) modificata dalle Decisioni nn. 2006/754/CE e 2008/162/CE

Decisione che abroga la decisione 2006/601/CE che reca misure di emergenza relative all’organismo geneticamente modificato non autorizzato “LL RICE 601” nei prodotti a base di riso (2006/754/CE) e che prevede il campionamento casuale e l’analisi volti ad accertare l’assenza di tale organismo nei prodotti a base di riso (2010/315/UE)

Decisione di esecuzione della Commissione (2011/884/UE) recante misure di emergenza relative alla presenza di riso geneticamente modificato non autorizzato nei prodotti a base di riso originari della Cina e che abroga la decisione 2008/289/CE 

NORMATIVA PRODUZIONE BIOLOGICA


Regolamento (CE) n.834/2007 del 28 giugno 2007: (testo consolidato a giugno 2012) regolamento del Consiglio relativo alla produzione biologica e all’etichettatura dei prodotti biologici e che abroga il regolamento (CEE) n. 2092/91 e successive modifiche. 

 

Autore

Ultima modifica:20 giugno 2012
 

Stampa
Tag:
Valutazioni:
2.0

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Nome:
Email:
Oggetto:
Messaggio:
x