X
GO

Conclusioni del Consiglio europeo sulla resistenza antimicrobica

  • 6 agosto 2012
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 1087
  • 0 Commenti


Il 22 giugno 2012 il Consiglio Europeo ha approvato un atto recante le conclusioni sull’impatto della resistenza antimicrobica sulla salute umana e animale.

Tale documento è articolato in 31 punti di considerazione nei quali la resistenza microbica viene riconosciuta come problema sanitario di estrema gravità sia per gli esseri umani che per gli animali e che tale fenomeno è in progressivo aumento in gran parte dovuto all’uso eccessivo, incontrollato e inappropriato di antibiotici nei settori della salute umana e animale.

L’atto prosegue ravvisando la necessità di un più puntuale approccio al problema con l’obiettivo di ridurre l’uso degli antimicrobici e favorire il coordinamento tra i settori della salute umana e animale; i passaggi suggeriti dal Consiglio prevedono il rafforzamento della cooperazione internazionale sull’uso degli antimicrobici, una maggior sensibilizzazione dei cittadini sul problema, la raccolta più esaustiva delle informazioni in merito, per favorire l’analisi e la valutazione della casistica e, infine, la promozione della ricerca e dell’innovazione in materia di utilizzo corretto degli antimicrobici.


Il consiglio chiede inoltre di accelerare il riesame della normativa comunitaria sui mangimi e sugli atti inerenti il codice comunitario dei medicinali veterinari, tenendo in maggiore considerazione la resistenza antimicrobica anche considerando che la prescrizione di medicinali veterinari antibiotici può essere effettuata unicamente da un veterinario.


Il consiglio suggerisce infine l’avvio di studi di riferimento in materia di resistenza antimicrobica negli esseri umani, negli animali e negli alimenti e che questi studi abbiano una frequenza appropriata.

Leggi le “ Conclusioni del Consiglio del 22 giugno 2012 sull’impatto della resistenza antimicrobica nel settore della salute umana e nel settore veterinario — una prospettiva di tipo «One Health»”


Autore 

 

Ultima modifica: 3 agosto 2012
 

Stampa
Tag:
Valutazioni:
Nessuna valutazione

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Nome:
Email:
Oggetto:
Messaggio:
x