X
GO

Diossine e metalli pesanti: operativo il piano di monitoraggio della Regione Marche

  • 18 giugno 2013
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 658
  • 0 Commenti


La Regione Marche, con la Deliberazione n. 61 del 28/01/2013 ha approvato un piano di monitoraggio per la ricerca di diossine e metalli pesanti in prodotti di origine animale su aree potenzialmente inquinate.

Scopo del piano regionale  è quantificare il rischio sanitario legato al consumo di alimenti prodotti in prossimità di zone a criticità ambientale (Siti di interesse nazionale - S.I.N.) ,e valutare gli eventuali interventi di bonifica da adottare, nel caso in cui i risultati delle ricerche rivelassero la presenza di contaminanti pericolosi per la salute pubblica.
Infatti, allo stato attuale, la mancanza di dati, non permette di valutare il rischio sanitario per la salute pubblica e la necessità di opportuni interventi. 

In Italia sono state già censite e delimitate 57 aree che presentano fattori di rischio per la presenza di inceneritori, raffinerie, discariche, cartiere etc.

I siti  individuati nel nostro territorio regionale sono due : l’impianto d’incenerimento rifiuti  Cosmari e la raffineria di Falconara Marittima. 

Per il COSMARI  (Consorzio Obbligatorio Smaltimento Rifiuti) situato nel Comune di Tolentino in località Piane Chienti, il piano di campionamenti riguarda gli allevamenti bovini, ovini, caprini ed avicoli rurali compresi in un’area di 15 Km di raggio dalla sede dell’impianto .
Verranno sottoposti a monitoraggio il latte e le uova di 8 allevamenti per ciascuna specie animale in due tranches durante l’arco dell’anno con un totale di 46 campionamenti per la ricerca di diossine e Policlorobifenili diossina simili (PCB), gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)  e metalli pesanti (piombo, cadmio, mercurio).

Per il  sito di Falconara Marittima, oggetto di campionamento sono varie specie ittiche (alici, sardine e merluzzi) con uguale metodica di campionamento.
 
Il Piano deve essere completato entro il 30 settembre.


Impegnati in tale studio saranno i Servizi Veterinari di Igiene degli Alimenti di origine animale dell’Area Vasta 3 e dell' Area Vasta n.2, ASUR Marche che provvedono all'esecuzione dei prelievi.
L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Umbria e delle Marche effettua l'analisi  dei campioni per la ricerca di PCB, IPA  e metalli pesanti, mentre per la Diossina e PCB diossina simili le analisi vengono  eseguite dall'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana.

 

 Autore: Dott.ssa C. Pennesi
 

Ultima modifica:18 giugno 2013
 

Stampa
Tag:
Valutazioni:
Nessuna valutazione

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Nome:
Email:
Oggetto:
Messaggio:
x