X
GO

Alimenti destinati ad alimentazione particolare, integratori alimentari e alimenti addizionati di vitamine e minerali : la Regione emana le modalità di riconoscimento degli stabilimenti

  • 29 aprile 2013
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 1359
  • 0 Commenti


Il Decreto Legge 13 settembre 2012, n. 158, recante “Disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di tutela della salute” (Decreto Balduzzi), convertito in Legge 8 novembre 2012 n. 189, ha demandato alle Regioni l’autorizzazione in forma di riconoscimento, secondo quanto previsto dall’art. 6, comma 3, lettera a), del Regolamento (CE) 852/2004, degli stabilimenti adibiti alla produzione e/o al confezionamento di alimenti destinati ad una alimentazione particolare (Direttiva codificata 2009/39/CE, recepita con D.Lgs. 27 gennaio 1992, n. 111), di integratori alimentari (Direttiva 2002/46/CE, recepita con D.Lgs. 21 maggio 2004, n. 169) e di alimenti addizionati di vitamine e/o minerali (Reg. CE 1925/2006).

Con DDPF Veterinaria e Sicurezza Alimentare n. 55 del 28 marzo 2013 la Regione Marche ha adottato le procedure concernenti il riconoscimento degli stabilimenti che producono e/o confezionano le suddette tipologie di alimenti, definendo la modulistica per la presentazione dell’istanza, la documentazione da allegare e le tariffe da applicare, sia per il rilascio e l’aggiornamento dell’autorizzazione e sia per la variazione di ragione sociale.

La domanda di riconoscimento deve essere presentata alla P.F. Veterinaria e Sicurezza Alimentare dell’Agenzia Sanitaria Regionale per il tramite del Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (SIAN) e/o del Servizio Igiene degli Alimenti di Origine Animale (SIAOA) dei Dipartimenti di Prevenzione dell’ASUR Marche- Area Vasta di appartenenza.

Il riconoscimento richiede il preventivo accertamento da parte dei Servizi competenti della sussistenza delle condizioni igienico-sanitarie e dei requisiti tecnici previsti dai Regolamenti (CE) 852/2004 e (CE) 853/2004  sull’igiene dei prodotti alimentari, dal D.M. 23 febbraio 2006  “Requisiti tecnici e criteri generali per l’abilitazione alla produzione e al confezionamento di integratori alimentari”, nonché della disponibilità di un “idoneo laboratorio per il controllo dei prodotti”, ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 111/92.

Inoltre, relativamente agli stabilimenti in possesso di autorizzazione ministeriale provvisoria, i Servizi Igiene degli Alimenti e della Nutrizione/Igiene degli Alimenti di Origine Animale (SIAN/SIAOA) accertano l’esistenza delle condizioni e dei requisiti prescritti dalle normative generali e specifiche al fine di trasformare l’atto da provvisorio in riconoscimento definitivo.


Il Ministero della Salute riceve dalla Regione le informazioni per la pubblicazione dell'elenco degli stabilimenti autorizzati a livello regionale e può effettuare a campione verifiche ispettive; le Ditte riconosciute sono comunque tenute a notificare allo stesso Ministero le etichette degli alimenti destinati ad alimentazione particolare, degli integratori e degli alimenti addizionati di vitamine e minerali, per le verifiche di competenza e per l'inserimento dei prodotti nei Registri Nazionali.
 

Leggi il Decreto Dirigente P.F. Veterinaria e Sicurezza Alimentare n.55 del 28/03/2013

 

Autore 


Ultima modifica: 29 aprile 2013

 

Stampa
Tag:
Valutazioni:
Nessuna valutazione

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Nome:
Email:
Oggetto:
Messaggio:
x