X
GO

Piano di controllo salmonelle - anno 2014

  • 13 febbraio 2014
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 467
  • 0 Commenti

 

Con una e-mail del 27 gennaio c.a. indirizzata agli assessorati alle Regioni, il Ministero della Salute ha trasmesso il Piano Nazionale di Controllo delle salmonelle negli avicoli anno 2014.


Il Piano, approvato con Decisione di esecuzione della Commissione del 29 novembre 2013 n. 722, si presenta con una veste nuova, senza però apportare sostanziali modifiche rispetto al Piano 2013.

 


Un unico documento raccoglie tutti i Piani in vigore in Italia, per il controllo delle salmonelle rilevanti, che di seguito vengono riepilogate:

CATEGORIA AVICOLA SALMONELLE RILEVANTI
Galline ovaiole della specie
Gallus gallus
Salmonella Enteritidis e Typhimurium
(compresa la variante monofasica con formula antigenica 1,4[5],12:i:-)
 
Polli da carne della specie
Gallus gallus
Salmonella Enteritidis e Typhimurium
(compresa la variante monofasica con formula antigenica 1,4[5],12:i:-)
 
Riproduttori della specie
Gallus gallus 
Salmonella Enteritidis, S. Typhimurium
(compresa la variante monofasica con formula antigenica 1,4[5],12:i:-),
S. Virchow, Infantis, Hadar
Tacchini da riproduzione
ed ingrasso
Salmonella Enteritidis e Typhimurium
(compresa la variante monofasica con formula antigenica 1,4[5],12:i:-)


Il Piano resta basato su:

  • campionamenti in autocontrollo, previa stesura da parte dell’allevatore e successiva approvazione da parte dell’Autorità Competente, del Piano di Autocontrollo Aziendale;
     
  • su campionamenti Ufficiali 
     
  • sul controllo sistematico, eseguito dai Servizi Veterinari competenti per territorio, di cui deve essere lasciata traccia in allevamento mediante la stesura di relazioni, prescrizioni e quant’altro.

Il “controllo sistematico” vede i suoi cardini nella verifica delle norme di Biosicurezza, nel costante aggiornamento dei dati anagrafici (esigenza sempre più pressante per l’approssimarsi dell’entrata in vigore del Decreto del Ministero della Salute del 13 novembre 2013 – G.U. Serie Generale n.22 del 28/01/2014), e della verifica della corretta esecuzione dei campionamenti in autocontrollo (importante la verifica dell’inserimento dei laboratori e delle prove utilizzate nel sito Accredia), anche mediante la consultazione del sistema SIS (Sistemi Informativo Salmonellosi), che costantemente deve essere aggiornato sia dagli allevatori per la parte inerente l’autocontrollo, che dall’Autorità Competente per i campionamenti ufficiali.

Proprio nell’inserimento dei dati nel SIS troviamo forse la più consistente novità del piano 2014: la tempistica di inserimento dei sierotipi non rilevanti nel sistema è di 30 giorni per tutte le categorie di avicoli, mentre
resta trimestrale per i referti negativi (assenza di Salmonella spp.) e di 7 giorni per i sierotipi rilevanti.

Grazie alle modifiche che verranno apportate col D.M. 13/11/13, l’accreditamento dei gruppi e dell’allevamento dovrà essere inserito in Banca Dati Nazionale informatizzata dell'Anagrafe Zootecnica (BDN) con data dell’ultimo aggiornamento che deve essere almeno annuale.
 

Autore: Dott.ssa P. De Curtis

Data di pubblicazione: 13 febbraio 2014

Stampa
Tag:
Valutazioni:
Nessuna valutazione

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Nome:
Email:
Oggetto:
Messaggio:
x