X
GO

Influenza aviaria: Piano di sorveglianza 2020

  • 13 gennaio 2020
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 34
  • 0 Commenti

La Direzione Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari, con una nota del 10 Gennaio, ha comunicato ai Servizi Veterinari, Regioni e Istituti Zooprofilattici il Piano di sorveglianza nazionale per l’Influenza aviaria relativo all’anno 2020 che dovrà essere assolutamente portato a termine entro il 31 Dicembre dell’anno in corso.

La DGSAF sottolinea l’importanza di attenersi scrupolosamente a quanto indicato nel piano, con particolare riferimento alle prove diagnostiche da utilizzare nello screening iniziale per la ricerca di anticorpi per influenza A tramite test ELISA competitiva. Solo i campioni risultati positivi dovranno successivamente essere sottoposti alla prova di inibizione dell’emoagglutinazione (HI), per individuare i sottotipi H5 e H7. Ciò anche al fine di limitare i costi delle spese sostenute nell’ambito del piano e riconosciute ammissibili dalla Commissione europea.

Si ricorda inoltre che il Ministero della Salute, vista la persistente diffusione dell’influenza aviaria su scala internazionale, con lo scopo di mantenere livelli elevati di tutela della salute animale e di sanità pubblica, ha emanato l'Ordinanza 10 Dicembre 2019 con la quale vengono confermate e rafforzate le misure di  biosicurezza e delle altre misure di polizia veterinaria introdotte con la precedente ordinanza (non più in vigore dal 31 Dicembre 2019) in modo da ridurre il rischio di trasmissione del virus influenzale. Il nuovo provvedimento sarà valido fino al 21 aprile 2021 quando entrerà in vigore il Regolamento (UE) n. 2016/429.

In particolare nell’Allegato A dell’OM 10/12/2019 vengono descritte nel dettaglio le misure di biosicurezza che devono essere applicate a livello nazionale. Vengono quindi date indicazioni sui seguenti aspetti: requisiti strutturali degli allevamenti, norme di conduzione (obblighi per l’allevatore, personale, pulizia e disinfezione degli automezzi, disposizioni specifiche per la gestione degli allevamenti di tacchini da carne, disposizioni specifiche per la gestione dei centri di imballaggio, centri di lavorazione uova e depositi, pulizia e disinfezione, vuoto biologico e vuoto sanitario, gestione degli animali morti, gestione della lettiera e della pollina).

 

Autore: Dott. Stefano Gabrio Manciola

 

Stampa
Categorie: Influenza aviare
Tag:
Valutazioni:
5.0

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Nome:
Email:
Oggetto:
Messaggio:
x