X
GO

PROGRAMMA DI AUDIT e CONTROLLI della DGSANTE per il 2020

  • 7 febbraio 2020
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 88
  • 0 Commenti

La Direzione Generale della Salute e Sicurezza alimentare della Commissione europea (DGSANTE) ha pubblicato il programma completo degli “Health and Food Audits and Analysis che verranno effettuati nel 2020.

In particolare il programma dei controlli, in linea con le priorità strategiche della Commissione, ha lo scopo di garantire e verificare la corretta ed efficace attuazione e applicazione della legislazione europea in materia di sicurezza degli alimenti e dei mangimi, salute degli animali, benessere degli animali, salute delle piante e alcuni settori della salute umana.

Il programma degli audit e dei controlli viene sviluppato dalla DGSANTE in collaborazione con altri servizi della Commissione e con gli Stati membri. Viene quindi realizzato un piano pluriennale che viene riesaminato ogni anno per assicurarsi che sia sempre aggiornato e adeguatamente incentrato sulle aree a rischio più elevato di non conformità.

In particolare punti chiave dell’attività in programma per il 2020 saranno i seguenti:

• migliore la preparazione, prevenzione e risposta alle minacce per la salute umana, animale e vegetale;

• garantire un sistema sicuro e sostenibile di produzione di alimenti e mangimi;

• assicurare un'attuazione efficace della legislazione alimentare dell'UE;

• controlli efficaci, efficienti e affidabili nei settori della sicurezza degli alimenti e dei mangimi, della qualità degli alimenti, della salute degli animali, del benessere degli animali e della salute delle piante;

• contribuire alla protezione della salute umana garantendo l'accesso dei pazienti a dispositivi e medicinali sicuri.

Il programma della DGSANTE per il 2020 comprende 46 progetti e 230 audit e altre visite di controllo negli Stati membri dell'UE e nei paesi terzi.

Alcuni di questi progetti sono già iniziati nel 2019, altri saranno portati avanti nel 2021 e nel 2022. Mentre alcuni lavori sono basati su controlli documentali (ad esempio la valutazione dei piani di monitoraggio dei residui), per la maggior parte sono previste missioni conoscitive o altre visite programmate negli Stati membri e nei paesi terzi.

L'obiettivo per il periodo 2020-2022 è quello di raggiungere un elevato livello di verifica delle aree prioritarie identificate, evidenziando eventuali punti deboli e di conseguenza misure correttive da attuare da parte delle autorità competenti.

In particolare nel 2020, in Italia, gli ispettori europei svolgeranno 8 audit relativi ai seguenti aspetti:

  1. Contaminazione microbiologica nella produzione primaria,
  2. Cibi pronti da consumare – carni,
  3. Gestione delle malattie animali,
  4. Benessere degli animali alla macellazione,
  5. Igiene generale dei mangimi,
  6. Uso sostenibile dei pesticidi,
  7. Indicazioni geografiche (DOP, IGP, TSG),
  8. Focolai di parassiti delle piante (Anoplophora glabripennis, Anoplophora chinensis, Popillia japonica).

 

Autore: Dott. Stefano Gabrio Manciola

 

Stampa
Categorie: Audit
Tag:
Valutazioni:
3.0

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Nome:
Email:
Oggetto:
Messaggio:
x