X
GO

Residui di pesticidi negli alimenti - EFSA: resta basso il rischio per i consumatori

  • 14 novembre 2016
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 1398
  • 0 Commenti

Il Responsabile dell’Unità Pesticidi dell’EFSA, ha detto che gli alti tassi di conformità registrati per il 2014 sono in linea con quelli degli anni precedenti, il che significa che l'Unione europea continua a proteggere i consumatori controllando la presenza di residui di pesticidi negli alimenti. Il  rapporto annuale è un lavoro importante basato sui dati che arrivano dagli Stati membri e non sarebbe possibile senza l'impegno e la competenza dei partner europei.

E’ questa la conclusione dell’ultimo rapporto annuale EFSA sui residui di pesticidi negli alimenti, che analizza i risultati di quasi 83 000 campioni di alimenti provenienti da 28 Stati membri dell’UE - inclusa la Croazia per la prima volta - nonché da Islanda e Norvegia.

 

Come l'Europa monitorizza i residui di pesticidi negli alimenti

Quali le novità?

Nel rapporto 2014 l'EFSA ha apportato una serie di modifiche in risposta a richieste e commenti dei portatori di interesse. Ad esempio il rapporto include ora maggiori dettagli sui prodotti biologici e sugli alimenti per l'infanzia; una sezione specifica sul glifosato; e più raffronti con i risultati degli anni precedenti.

Principali risultanze

  •  Il 97% dei campioni analizzati rientrava nei limiti di legge;
  • di questi il 53,6% era privo di residui quantificabili e il 43,4% conteneva residui che rientravano nelle concentrazioni ammesse.
  • Dei campioni provenienti da Paesi UE/SEE, l'1,6% conteneva residui eccedenti i limiti di legge; per i campioni da Paesi terzi la percentuale corrispondente era del 6,5%.
  • Nel 91,8% dei campioni di alimenti per l’infanzia non sono stati rinvenuti residui quantificabili.
  • Il 98,8% dei prodotti biologici erano o privi di residui o li contenevano nei limiti di legge.
  • L’EFSA ha utilizzato i dati della relazione per valutare se l’attuale esposizione alimentare ai residui di pesticidi rappresenti un rischio di lungo termine (cronico) o di breve termine (acuto) per la salute degli Europei. L'Autorità ha concluso che in entrambi i casi è improbabile che l'esposizione costituisca un rischio per la salute umana.

Raccomandazioni

L'EFSA ha avanzato diverse proposte per rendere più efficace il monitoraggio futuro dei pesticidi nell'UE. Tra queste:

  • Estendere il campo di applicazione del programma di monitoraggio a prodotti alimentari come piccoli frutti, frutti di bosco e tè, nei quali sono stati spesso rintracciati residui.
  • Ridurre l'analisi sui prodotti di origine animale e spostare il centro dell'attività di monitoraggio ai mangimi, per esempio a soia, colza e orzo.
  • Includere obbligatoriamente l'analisi del glifosato nelle colture sopraindicate.
  • Includere il miele nel "paniere" di campioni, per migliorare le conoscenze sull’esposizione delle api e ispirare l’eventuale revisione dei limiti di residui ammessi nel miele.
  • Migliorare la comunicazione delle modifiche ai livelli di residui ammessi per gli importatori di prodotti alimentari da Paesi extra Unione.

Risorse

The 2014 European Union Report on Pesticide Residues in Food

National summary reports on pesticide residue analysis performed in 2014

 

Autore: Dott.ssa Alba Minnozzi

Data pubblicazione: 14 novembre 2016

 

Stampa
Valutazioni:
Nessuna valutazione

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Nome:
Email:
Oggetto:
Messaggio:
x