X
GO

Rievocazione Storica della Giostra della Quintana di Ascoli Piceno: lavori in corso anche per il Servizio Veterinario

  • 6 luglio 2018
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 376
  • 0 Commenti

Rievocazione Storica della Giostra della Quintana di Ascoli Piceno: lavori in corso anche per il Servizio Veterinario

 

Sono in corso i preparativi per la Giostra della Quintana di Ascoli Piceno, un torneo cavalleresco che si svolge in due date fisse: il secondo sabato di luglio e la prima domenica di agosto. La prima edizione notturna del 14 luglio è in onore della Madonna della Pace mentre la seconda della Tradizione avverrà il 5 agosto in onore del patrono S.Emidio. La Giostra è sempre preceduta dal Corteo Storico in cui 1500 figuranti, indossando costumi del 1400, sfilano per il centro storico fino ad arrivare al campo dei giochi presso lo stadio “Ferruccio Corradino Squarcia”. E’qui che si terrà la gara la quale consiste nell’abilità del Cavaliere Giostrante di colpire con la lancia il bersaglio del Saraceno mentre è lanciato al galoppo lungo un percorso stabilito. Sono previsti tre consecutivi assalti da ripetersi per tre volte. Il risultato è dato dalla somma del punteggio sul bersaglio e dal tempo impiegato. I Sestieri impegnati sono sei: S.Emidio, Porta Romana, Porta Solestà, Porta Tufilla, Porta Maggiore e Piazzarola.

Come da Regolamento Giostra della Quintana di Ascoli Piceno è prevista durante le gare, ma anche in tutte le fasi precedenti a queste, la presenza di una Commissione Veterinaria composta da un Veterinario di comprovata esperienza nel settore equino e da suoi collaboratori, nominato dall’Amministrazione Comunale, e dal Responsabile del Servizio Veterinario ASUR Area Vasta n. 5 e/o suo delegato. Anche quest’anno il Presidente della Commissione Veterinaria è il Prof. Alessandro Spadari che coordina le attività del team di esperti del Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie dell’Alma Mater Studiorum dell’Università di Bologna.

I compiti della Commissione in queste prime fasi sono: salvaguardare e garantire il benessere degli animali; valutare l’idoneità dei cavalli a partecipare alle prove; verificare la correttezza del fascicolo di giostra compilato e presentato dal Capo Sestiere; provvedere al controllo della corretta applicazione delle disposizioni normative vigenti in particolare dell’Ordinanza contingibile ed urgente, 21 luglio 2011 e s.m., concernente la disciplina di manifestazioni popolari pubbliche o private nelle quali vengono impiegati equidi, al di fuori degli impianti e dei percorsi ufficialmente autorizzati.

Per quanto attiene l’attività di controllo del personale del Servizio Veterinario, questa riguarda le condizioni fisiche, documentali e di benessere sui cavalli che partecipano nella fase di ammissione alle prove obbligatorie, in corso di gara e nella fase immediatamente successiva alla conclusione della gara. Allo stato attuale, nel mese di maggio, in base ad un calendario concordato con il Consiglio degli Anziani, organo di raccordo tra il Comune e i Sestieri, si sono tenute le prime visite dei cavalli per la verifica dell’idoneità a partecipare alle prove. Il protocollo seguito è stato il seguente: tutti i cavalli sono stati condotti a visita dal Capo Sestiere o suo delegato, senza coperta e privi di fasciature agli arti. Il Veterinario Dirigente dell’AV5 ha proceduto all’identificazione mediante lettura dei microchip e alla verifica documentale sia dei passaporti sia delle dichiarazioni di provenienza e destinazione degli animali. Inoltre, sono state verificate le certificazioni relative al test per l’anemia infettiva equina, in base al territorio di provenienza.

Gli altri membri della Commissione Veterinaria hanno eseguito il controllo sanitario per verificare le caratteristiche morfologiche e attitudinali dei cavalli e lo stato di salute. Non potevano essere ammessi alla visita i cavalli portatori di lesioni, neoformazioni, mutilazioni o vistosi esiti di interventi terapeutici.

Pertanto, dopo l’identificazione, sono state eseguite le indagini radiografiche sugli arti, in particolare sulle regioni del nodello, ginocchio e garretto (Fig.1). A ciò ha fatto seguito un esame fisico completo degli apparati cardiocircolatorio, respiratorio e locomotorio, con il cavallo sia in stazione sia in movimento e sia con il test di flessione (Fig.2). Eventuali esami clinici degli altri apparati e altre indagini strumentali erano eseguite a discrezione della Commissione. Al termine delle visite è stato emesso un giudizio finale e solo quelli che hanno ricevuto l’idoneità hanno avuto accesso al campo di gara per le prove da sforzo. Le prossime prove ufficiali sono previste sia per il mese di giugno che di luglio, inoltre entro le 48 ore che precedono ogni Giostra, due cavalli scelti dai Sestieri per la competizione e risultati idonei alla prima visita, dovranno essere nuovamente sottoposti a visita pre-gara.

I lavori in corso riguardano anche il campo di gara. Infatti, al fine di rispettare il benessere degli animali, sono stati eseguiti una serie di interventi tra cui la sostituzione della vecchia sabbia con una di nuova generazione, certificata per trattenere umidità e compattezza in modo da garantire il massimo comfort ai cavalli (Fig.3).

 

 

                          

               Fig. 1: Esame radiografico                                                                            Fig. 2: Esame clinico

            Fig. 3: Lavori al campo di gara

 

Autore: Dott.ssa Maria Gabriella Pistilli

 

Stampa
Tag:
Valutazioni:
1.0

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Nome:
Email:
Oggetto:
Messaggio:
x